Universosud, AIPD e Unibas in tandem per lavoro e inclusione

Nasce più di un anno fa la volontà di Universosud, Associazione Italiana Persone Down di Potenza e Università degli studi della Basilicata, di cooperare per aprire nuovi spazi di inclusione lavorativa.

Al Comincenter, Giulia aiuterà ragazzi e ragazze a cercare un lavoro. Siamo felici di darle il benvenuto nel team.

Il percorso, che durerà un anno, è frutto della sinergia anche con la Camera di Commercio della Basilicata e “Crescere in Digitale”, programma attuato da Unioncamere (attraverso le Camere di commercio aderenti) in partnership con Google, promosso dall’ANPAL (Agenzia per le Politiche Attive del Lavoro) a valere sulle risorse del Programma Operativo Nazionale “Iniziativa Occupazione Giovani”.

“Siamo molto felici come Università degli Studi della Basilicata di aver partecipato a questa collaborazione e di aver promosso e sostenuto a questa importante azione che testimonia il riconoscimento per il nostro Ateneo a credere in quanto la disabilità possa essere una risorsa importante per la crescita del territorio”, aggiunge Paola D’Antonio, Prorettore alla disabilità dell’Unibas.

Antonio Candela, AD Universosud, sottolinea: “l’avvio di questo tirocinio per noi è strategico rispetto alla visione che come azienda vogliamo costruire rispetto al concetto di opportunità.

Il lavoro di Giulia sarà centrato sulla ricerca e sulla selezione di offerte di lavoro per tutte le persone (disabili e non) sul territorio locale e nazionale, utilizzando gli strumenti digitali e i social, non solo per ricercare offerte di lavoro, bandi, concorsi, ma anche per la disseminazione delle informazioni e al sostegno verso le persone che attraverso di lei incroceranno un’opportunità.

Lavorerà in team con i colleghi del Comincenter e sarà per noi una grande chance di poter cogliere nuove sfide e nuove necessità”.

Soddisfazione anche da parte del presidente AIPD (Associazione Italiana Persone Down) della sezione di Potenza, Gianfranco Salbini: “Vedere spiragli di ripartenza per i nostri ragazzi dopo il blocco dovuto al Covid, sia per le scuole che per le attività lavorative, è una bella boccata di ossigeno. Ringraziamo anche la Fondazione Terzo Pilastro, grazie a cui ci potremo occupare del turoraggio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie. Più informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close